Canal du Midi in camper

Costeggiare il Canal du Midi in camper è una vacanza di relax nella natura, attraverso graziosi villaggi, con lunghe passeggiate in bicicletta, che certamente  vi ristorerà.

Il Canale con i suoi ponti e le chiuse, per la maggior parte ancora originali, e il sentiero di alberi tri-centenari che lo costeggia, rappresenta veramente una meraviglia dell’ingegno e della natura. 

Progettato nel XVII secolo da Pierre-Paul Riquet, il Canal du Midi, con le sue 103 chiuse, percorre circa 240 chilometri, da  Tolosa, Alta Garonna, sino nei pressi di Sete; un’ opera colossale, che collega l’Oceano Atlantico al Mar Mediterraneo, infatti  con il canale della Garonna, che collega Tolosa a Bordeaux, costituisce il canal des deux mers (“canale dei due mari”).

Il turismo fluviale è molto popolare nella regione della Linguadoca, e Il Canal du Midi è una delle vie navigabili più famose al mondo: con le sue chiuse, i ponti-canale e la scala di Fonsérannes, rappresenta un’ottima occasione anche per sperimentare una crociera fluviale completa e rilassante. https://www.leboat.it/vacanze

https://www.leboat.it

Il nostro viaggio parte da un paesino sul mare, PORTIRAGNES PLAGE, alla fine del mese di giugno, quando le temperature sono molto dolci e la natura è rigogliosa.  

Nel sud della Francia è una tappa per noi fissa perchè offre molte opportunità di svago. Intanto l’ area sosta è vicina a una bella spiaggia, di cui una parte riservata ai nostri amici cani; il mare in questa zona filtra sotto la sabbia e forma due laghetti salati.

Inizio paese si possono ammirare i cavalli nel parco del Ranch, oppure quelli che corrono liberi, percorrendo sia a piedi o in bicicletta i vari sentieri del vicino Parco Naturale che iniziano proprio davanti all’ area sosta.

Se poi percorrete la ciclabile che porta fuori paese (passando davanti al camping l’ Emeraude), proseguendo dritti, vi troverete a costeggiare proprio il Canale, all’ ombra degli alti platani, percorso, oltre che dai boats, anche  da numerosi colorati battelli la “Peniche”.

Pedalando sulla sinistra potrete ammirare una vegetazione rigogliosa immersa nelle acque che sgorgano da sottoterra formando questi acquitrini, dove ritrovare numerosi fenicotteri rosa e tante altre diverse specie di uccelli, e ancora cavalli liberi, per non parlare dei vari fiori colorati e profumati……cosa chiedere di più !

E dopo una bella pedalata perchè non fermarsi al baruccio in legno che vi aspetta lungo il percorso per bere una fresca birra !?

AREA SOSTA A PAGAMENTO – su sterrato – 8 euro – si accede con codice assegnato prima dall’ Ufficio del Turismo – i servizi gratuiti sono esterni a 100 metri – Avenue de la Grande Maire,  Portiragnes Plage – 50 m dalla spiaggia (in piena estate una parte adibita anche per cani) – Gps 43°16’27.8″N 3°21’06.4″E 

Diversi i campeggi, noi abbiamo scelto questo anche se più lontano dalla spiaggia ma vicino al canale, inoltre nel mese di giugno applica sconti per i camperisti:

CAMPEGGIO L’ EMERAUDE – CD 37 les Gaillardels,  Portiragnes – Telefono: +33 4 67 90 93 76 – Apertura verso metà maggio sino a metà settembre –  Ampie piazzole nel verde – PISCINE – vicino al Canal du Midi – a 1,5 km dalla spiaggia – Gps 43°17’15.4″N 3°21’44.4″E

Proseguiamo verso BEZIERS, dove, lungo il viale Paul Riquet, progettista del Canale e nato in questa città, si trova la statua a lui dedicata.   Non lontana colpisce la Cattedrale di Saint Nazaire, bella e imponente, con una navata alta ben 32 metri.   

Un angolo di Paradiso che ospita numerose statue di famosi poeti e una monumentale fontana è il Plateau des Poetes.     Beziers possiede anche due arene; quella più grande in estate ospita una grande manifestazione in stile spagnolo, la FERIA.     Il Mulino Cortier e l’ anfiteatro romano sono altre due cose da visitare.

Ma l’ opera importante sul Canal du Midi sono le 9 chiuse di Fonseranes (oggi le porte sono 7), una  della più stupefacente attrazione di questo canale dell’Herault per la sua successione di cascate, infatti  superano un dislivello di 21,5 metri su una distanza di 312 metri ! 

E non dimentichiamo l’ antico PONTE CANALE sull’ Orb, un’ altra opera importante.

Non essendoci una area sosta a Beziers  prima abbiamo sostato per la visita alle chiuse vicino ad esse e poi per la notte ci siamo fermati con altri camper nel parcheggio presso il porticciolo interno lungo QUAI DE PORT NEUF –  Gps  43°20’03.8″N 3°13’09.3″E

A soli 10 km dalla città il TUNNEL DEL MALPAS è un tunnel scavato

https://en.wikipedia.org

nel 1679-1680 sotto la collina d’Ensérune,  la prima galleria costruita per farvi passare un canale navigabile ed è il simbolo dell’ostinazione dell’ingegner Pierre-Paul Riquet, promotore e realizzatore dell’intero canale.    Lo sconcerto era grande in quando doveva passare attraverso una montagna di arenaria estremamente friabile, soggetta a franare con facilità.    Nonostante i rischi Riquet continuò con le dovute precauzioni; lungo 173 metri, largo 6 ed alto 8,5, con 30 archi per il sostegno della volta, il tunnel permise di evitare una chiusa supplementare al tracciato del canale.  PARCHEGGIO Gps 43°18’25.4″N 3°07’43.1″E

A solo 1 km di distanza arroccato su una collina, l’oppidum di Ensérune è uno dei villaggi gallici tra i più importanti nel sud della Francia.        Conserva tracce del suo passato come dimostrano i resti di case e oggetti rinvenuti durante gli scavi.         Trovate un  museo che presenta gli scavi principali, una bella collezione di ceramiche e armi galliche. 

 Un sentiero segnalato permette di esplorare e scoprire questo sito archeologico e nello stesso tempo ammirare il paesaggio circostante e l’insolito stagno prosciugato di Montady, giacché è coltivato in settori, come un sole verde, fin dal XIII secolo.

http://www.destination-languedoc.it

AREA SOSTA GRATUITA  – Promenade de l’Ancien Stade,  Colombiers – NO SERVIZI  (oppure presso il vicino Camping Les Peupliers) – in caso di pioggia fangosa – tranquilla – strada d’ accesso stretta – Gps 43°19’00.1″N 3°08’37.6″E

 Il giorno dopo siamo a CAPESTANG, borgo medievale che attesta un certo patrimonio storico, come la Chiesa di S. Stefano in stile gotico o il Castello, residenza secondaria degli arcivescovi di Narbonne.  Bello il  Trompe-l’oeil .

CAMPING MUNICIPALE DE TOUNEL – Rue Georges Brassens,  Capestang –  tra vigneti e montagne e lungo il Canal du Midi – centro a 300 m. – Aperto: 1/4 – 2/10 – semplice ma curato – Gps 43°19’39.3″N 3°02’18.3″E

Ci spostiamo a ARGENS-MINERVOIS e sostiamo proprio  sulle rive del canale, (Gps 43°14’23.2″N 2°46’01.6″E) vicino al paese e fronte porto. Bellissimo vedere i battelli che scorrono sul fiume davanti al nostro camper !!    

E’ un piccolo borgo, ma una passeggiata in paese prima della sera ci permette di ammirare il suo castello, la Chiesa di Nostra Signora dell’Assunzione: vicino al Canal du Midi, la più recente Chiesa di San Rocco, la fontana ai piedi del villaggio, i resti di una antica fornace, ristoranti e bar che vi invogliano a cenare sulle rive del canale.

Spostandoci di soli 10 km eccoci a HOMPS, altro luogo delizioso, con il suo vivace porticciolo, piccolo paesino che offre comunque il necessario per una rilassante giornata.

Trovate negozietti tipici, la chiesetta, un market UTILE ben fornito e la cantina Chai offre una selezione di vini locali del Minervois con degustazioni di prodotti, e ancora ristorantini sul fiume tipici francesi.

PARCHEGGIO GRATUITO – Avenue Claude Bourrel,  Homps – su terra o erba – NO SERVIZI – sul canale e in paese – Gps 43°16’06.9″N 2°43’00.6″E

Poi una bella passeggiata nel verde a piedi o in bicicletta  oltre viti, girasoli e ulivi vi porta dopo 2 km sulle rive del laghetto di Jouarres; raggiungibile anche su strada col camper sostando sulla sua riva o nel parcheggio misto più in alto, ristorante e servizi igienici sulla spiaggia a 50 m. Gps 43°16’28.3″N 2°42’35.2″E

Puntiamo verso Carcassonne, ma ci fermiamo poco prima a TREBES; altro porto turistico lungo il Canale du Midi, con ristoranti e dove ritroviamo Il bellissimo ponte acquedotto realizzato da Vauban, il ponte di La Rode, e la monumentale scalinata sulla chiusa con un dislivello di ben 7 metri.   Belle le 4 chiuse del Mulino.  Inoltre ammirate la chiesa del 13esimo secolo e ammirate le impressionanti travi antiche di querce e le statue scolpite. E ovviamente come sempre non mancano le ciclabili lungo il fiume.

Purtroppo non c’ è più l’ area sosta a Trebes, per la visita abbiamo sostato nel parcheggio del centro commerciale SUPER U -Gps 43°12’10.0″N 2°26’31.4″E

CAMPEGGIO A L’ OMBRE DE MICOCOULIERS – Chemin de la Lande, Trebes – Aperto: 1/4 – 1/10 – centro a 500 m. – Ombreggiato – Gps 43°12’24.2″N 2°26’30.7″E

Impossibile non fare una deviazione verso CARCASSONNE,  questo rinomato borgo medievale, caduto in rovina e rinato nel XIX secolo.    Merita sempre passeggiare nel labirinto di piccole viuzze lastricate; a ogni angolo di strada, se si osservano con attenzione alcuni edifici, si possono scorgere tracce di celle, trabocchetti e feritoie, alla memoria del suo passato guerriero.      Non dimentichiamo al suo interno labasilica di Saint-Nazaire, con le sue preziose vetrate, e il Castello un tempo dimora feudale.

AREA SOSTA  a pagamento euro 16,40 + servizi (acqua 5 euro) – 800 m dal centro – Gps 43°12’00.5″N 2°21’11.2″E

CAMPING DE LA CITE’ – Chemin Bernard Délicieux,  Carcassonne – Telefono: +33 4 68 10 01 00 – APERTURA 1/03-30/09 – 800 m dal centro – Gps 43°12’01.0″N 2°21’13.8″E

Mappa interattiva del primo tratto del percorso lungo il Canal du Midi:  Ma è a CASTELNAUDARY che secondo noi la natura, lungo il Canale du Midi, da il meglio di sè stessa.  Oltre alle diverse chiuse qua troviamo il Gran Bacino, il più grande specchio d’acqua (7 ettari) su tutto il percorso, lungo 240 km.

Venite a scoprire il porto, il grande bacino, e in particolare i quattro blocchi di San Rocco.

La ciclabile è immersa in un verde che ti avvolge e ti rigenera, impossibile non restarne affascinati.

In paese si può vedere la cappella di Nostra Signora della Misericordia,  contiene una straordinaria collezione di 10 pannelli di legno dorato intagliato nel 18 ° secolo sul tema della Settimana Santa.  E ancora la chiesa collegiata di Saint-Michel, costruita nel 13 ° secolo in stile gotico. 

Il Mulino Cugarel costruito in pietra locale, ristrutturato nel 1962, comprende tutto il meccanismo interno.

Castelnaudary inoltre è la capitale del cassoulet , questa famosa specialità culinaria del Sud-Ovest, la cui origine risale al Medioevo, è uno dei piatti più consumati in tutto il paese!

Per preparare il vero cassoulet di Castelnaudary, la cui base prevede fagioli cannellini, cosce d’anatra o d’oca confit, stinco o spalla di maiale, salsicce di Tolosae cotenna di maiale, ci sono alcune regole da seguire. In particolare riguardano l’uso di una casseruola speciale – un recipiente di terracotta prodotto a Issel – e di ingredienti provenienti dal Lauragais. Inoltre la ricetta prevede una cottura delicata e prolungata. Si tratta di una tradizione molto antica, celebrata dalla grande confraternita del cassoulet di Castelnaudary!

Se si è da queste parti la fine di agosto da non perdere la Festa del Cassoulet, con degustazioni, mercato gastronomico, grande sfilata di fiori, animazioni, spettacoli e concerti!    (Informazioni tratte da https://www.france-voyage.com)

Noi abbiamo sostato in libera, a fianco al canale con tavoli pic-nic , in AVENUE MARESCIAL LECLERC (confermata possibile sosta dall’ ufficio del turismo facendo attenzione a non intralciare e ovviamente non facendo camping). Gps 43°18’54.0″N 1°56’53.1″E

AREA SOSTA – Rue Arnaut Vidal,  Castelnaudary – A PAGAMENTO euro 9,20-10,40 –  servizi – a fianco il  canale du Midi e ciclabile – centro 200 metri – wifi gratuita – fa parte del circuito CAMPINGCAR PARK – Gps 43°18’50.8″N 1°56’57.3″E

Ed eccoci a RAMONVILLE SAINT AGNE, comune nella periferia di Tolosa.  Il Canal du Midi la divide proprio in due, e seguendo la bella ciclabile nel verde continuiamo a godere di tanta natura.

Il tutto è circondato da un grande parco, con area giochi ricreativa, vicino un laghetto, in tutto 25 ettari e dall’ area verde denominata FERME 50, con anche alcuni animali.   

Come sempre la ciclabile non manca per cui   …….forza si pedala !!

                

Ramonville, seguire direzione “Porto Sud”, attraversare il ponte, parcheggiare nel parcheggio non molto grande in verità, arrivare presto perchè di giorno si riempie (Gps 43°32’44.0″N 1°29’29.0″E) o arrivare poco dopo al parking della Ferme Cinquante, anch’ esso piccolo  (Gps 43°32’39.7″N 1°29’40.4″E)

Purtroppo non c’ è una vera area sosta , ma peccato non fermarsi pertanto, oltre ai parcheggi indicati sopra, noi abbiamo anche sostato in parcheggi normali nei pressi del Porto Sud –  Esempio Gps 43°32’32.3″N 1°29’21.2″E – oppure Gps 43°32’26.1″N 1°29’13.9″E – oppure Gps 43°32’26.4″N 1°29’24.5″E

Da qua tra l’ altro è comodo anche raggiungere tramite pista ciclabile tutta asfaltata TOLOSA ( distante 8 km).  E guardate sulle rive del Canal du Midi che bella Spa. !

Tolosa ha un bel patrimonio architettonico, purtroppo noi l’ abbiamo visitata un po’ velocemente, ma sicuramente ci organizzeremo meglio per un prossimo giro. Vi consigliamo di andare all’ ufficio del turismo presso Donjon du Capitole e fatevi dare una piantina della città e del percorso lungo il canale da Tolosa a Bordeaux.

Da non perdere a Tolosa:

-La place du Capitole e il municipio                                                                                -La basilica di Saint-Sernin                                                                                            -La città vecchia I palazzi privati: l’hôtel d’Assézat, (fondazione Bemberg) e l’hôtel de Bernuy                                                                                                                            – Gli argini della Garonna: Promenade Henri Martin, Prairie des Filtres, Jardin Raymond VI                                                                                                                    – I musei: Les Augustins, Saint-Raymond, complesso conventuale dei Jacobins, Espace d’Art Moderne et Contemporain “Les Abattoirs“                                                -La Cité de l’Espace e le catene di montaggio dell’Airbus                                              -Le specialità enogastronomiche: il cassoulet, il foie gras, l’Armagnac

Read more at: http://it.france.fr/it/da-scoprire/tolosa

http://storiadellarchitettura.tumblr.com/

CAMPING LA RUPE’ – Chemin du Pont de Rupé 21,  Toulouse – l’unico campeggio vicino Tolosa-pizzeria-snack bar-pane di servizio-navetta per la metropolitana – centro 7 km – Aperto tutto l’ anno – Gps 43°39’21.6″N 1°24’55.9″E

Dopo Tolosa il Canal du Midi diventa “LE CANAL LATERALE DE LA GARONNE” o LE CANAL DES DEUX MERS.
Proseguendo segnalo due belle aree lungo il percorso.

AREA SOSTA GRISOLLES – GRATUITA – servizi – Chemin du Canal,  Grisolles – sul canale, ciclabille, area pic-nic – Gps 43°49’45.1″N 1°17’58.9″E

AREA MUNICIPALE CASTELSARRASIN – su ghiaia – un po’ interna rispetto al canale ma utile  – Allee de la Source,  Castelsarrasin – a pagamento camper 3 euro – servizi – zona tranquilla – centro a 500 m. –  Lidl e Intermarché, L’Eclerc nelle immediate vicinanze –  Giovedi  un grande mercato nel villaggio – Gps 44°02’19.1″N 1°06’07.7″E

A Castelsarrasin ci sono ben 3 chiese da visitare: Église Saint-Sauveur, Église Saint-Jean , Église Notre-Dame d’Alem.       E inoltre il Municipio e l’ antico ex convento carmelitano.

Ed eccoci a MOISSAC, sulle rive del fiume Tarn, con il PONTE CANALE che lo attraversa portando con sè le acque del Canale e i suoi battelli.

Come sempre non manca la ciclabile nel verde e il porticciolo.

http://tourisme.moissac.fr

Moissac è anche un passo importante sulla strada per Compostela, fin dal Medioevo, e la sua storia continua ancora oggi con la sua abbazia di Saint-Pierre, un patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.      Il portale della chiesa abbaziale, fondata nel 7 ° secolo, è decorato con un timpano monumentale che rappresenta il Giudizio Universale. Questo è uno dei capolavori della scultura romanica. L’abbazia si distingue anche per il suo chiostro.

http://tourisme.moissac.fr

AREA SOSTA CAMPER LES BERGES DU TARN – Chemin de la Rhode 281,  Moissac –  ben situato tra il Tarn e il Canal du Midi – con vista sul fiume – centro a 300 m. – a pagamento con carta bancaria 6-8 euro – servizi ed elettricità gratuiti – Gps 44°05’52.5″N 1°05’34.1″E

CAMPING LE MOULIN DE BIDOUNET – dalla parte opposta del fiume Tarn – Chemin du Moulin de Bidounet,  Moissac – Aperto: 1/4 – 30/9 – centro a 2 km – PISCINA- Gps  44°05’48.1″N 1°05’24.5″E All’ esterno del camping possibilità di SERVICE GRATUITO

Se volete solo un buon parcheggio vicino al fiume andate in Promenade Sancert Gps 44°05’59.5″N 1°05’05.4″E

Ultima tappa per noi è LE PASSAGE DE AGEN, situato sulla riva sinistra della Garonna di fronte ad Agen .   Anche qua occorreva un PONTE CANALE per attraversare il fiume,  un’opera di 539 metri di lunghezza, ed anche qua la natura è rigogliosa lingo le sponde del Canale e quindi lungo la ciclabile.

Consiglio di seguire la ciclabile dal ponte canale non verso la città ma nell’ altro senso, in mezzo la natura e questi meravigliosi viali alberati. Queste a lato sono volendo le ultime tappe in bicicletta fino a CASTETS EN DORTHE dove il canale entra definitivamente nella GARONNE.

Noi abbiamo sostato in un comodo parcheggio misto, sulle rive della Garonne, vicini a dei giardinie parco giochi bimbi, e non lontano dal Ponte Canale.    Vicino anche alla enoRme passerella sul fiume costruita da poco, che porta dalla parte opposta alla grande città di AGEN. Gps 44°12’03.5″N 0°36’22.4″E

Passeggiare nel centro storico di Agen poi significa andare alla scoperta dei luoghi emblematici della città, come Place des Laitiers, cuore della vita cittadina, Rue des Cornières e i suoi portici, Rue Beauvillee le antiche case aggettanti a graticcio, la cattedrale di Saint-Caprais con affreschi del XIX secolo, o ancora il Museo di Belle Arti.                                     Quest’ultimo, allestito all’interno di quattro palazzi signorili del Rinascimento, espone importanti collezioni di archeologia, dipinti, sculture e arti decorative, fra cui spiccano un eccezionale insieme di tele di Goya e la celebre Venere di Le Mas d’Agenais. 

Purtroppo anche qua non ci sono aree sosta o campeggi, ma ne trovate nei villaggi strada facendo.    Per questo vi consiglio di consultare questo sito PARK4NIGHT : https://www.park4night.com/carte_lieux

Oppure CAMPERCONTACT : https://www.campercontact.com/it/francia.aspx?map=1

E’ stata una vacanza meravigliosa e ristoratrice, tra natura e bei villaggi da visitare, un percorso assolutamente consigliato soprattutto se siete amanti delle passeggiate in bicicletta.   

Ed ora siamo pronti per nuove avventure !!

Da Agen poi potrete proseguire verso tre importanti direzioni:

1- verso est a Cahors ed immergervi nella terra fantastica e magica del Perigord

2- verso Bergerac e proseguire a La Rochelle e poi lungo la costa sud della Bretagna 

3-andare a Bordeaux e poi dalle Dune du Pilat scendere e fare tutta la costa Atlantica

Per tutti questi percorsi trovare altri articoli dettagliati sempre nel blog.

Ecco la mappa interattiva della seconda parte del percorso lungo il Canal du Midi:

AVVERTENZE
I nostri diari raccontano viaggi fatti in diversi anni per cui le cose da noi menzionate nel tempo si sa possono cambiare: le soste gratuite possono diventare a pagamento, i prezzi possono aumentare, le aree di sosta possono cambiare gestione o chiudere, ed anche la qualità dei servizi può migliorare o divenire più scadente.    Anche in base al periodo le situazioni possono variare; alcune soste in libera possibili in inverno in estate piena stagione turistica potrebbero essere meno tollerate, o certi comuni possono porre divieti ai camper dove prima non c’ erano.

Logo Sito

3 pensieri su “Canal du Midi in camper

  1. Antonella Colombo

    Mi è piaciuto molto il tuo articolo ben dettagliato e penso che il Canal du Midi potrebbe essere il nostro prossimo viaggio in Francia. Leggendo il tuo diario ci è venuta voglia di rifare la vacanza sulla penichette. Nel 2000 abbiamo noleggiato una penichette di 13,40 m e abbiamo navigato sul Canal Lateral de la Loire da Briare a Decise. È stata un’esperienza stupenda ed indimenticabile!!!

    1. camper_admin Autore dell'articolo

      L Francia è ricca di canali la maggior parte curati con bellissime ciclabile vicine – anche noi adoriamo costeggiarli e scoprire tante aree sosta spesso gratuite e immerse nel verde

  2. Pingback: Nuova Aquitania - Le Lande in camper | Camperviaggiare Insieme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *