Viaggiare in camper in Francia consigli utili

In questa pagina cercherò di darvi consigli utili per viaggiare in camper in Francia; parleremo quindi della viabilità, l’ equipaggiamento, dei limiti di velocità, dei possibili trafori e relativi costi, l’ eventuale attraversamento di Austria, Germania e Svizzera.

La circolazione in Francia

Logo SitoGuidare in Francia è molto semplice e il rischio di ingorghi e di code è praticamente inesistente tranne che in avvicinamento alle grandi città e alle zone costiere del sud perché molto battute dal turismo nei mesi estivi.

Parliamo di quasi un milione di chilometri, di cui quasi 11.000 di autostrade.  Per sapere tutto sui prezzi dei pedaggi, le aree di servizio e di riposo, i ristoranti, le stazioni di servizio, e i dettagli del vostro itinerario, consultate il sito http://www.autoroutes.fr 

Un suggerimento importante: non sostate mai in autostrada, soprattutto al sud, purtroppo è risaputo che si è a rischio furti !!     Soprattutto se volete riposare la notte il consiglio è piuttosto  di uscire e fermarvi nel paese più vicino o se proprio volete prendere un caffè mettete sempre l’ antifurto e assicuratevi che non vi sia nulla in vista di prezioso.           (Questo è un consiglio valido non solo per la Francia ma in realtà un po ovunque in autostrada).      

Per il resto non abbiate timori, noi come già detto facciamo sempre sosta libera per diversi mesi senza mai aver avuto problemi, con i dovuti accorgimenti: sempre antifurto, abbiamo anche chiusure interne aggiuntive, fermandoci vicini ad altri camper o ad abitazioni quindi mai isolati.

Le autostrade sono indicate con segnali a sfondo blu; tutte le altre strade con segnali a sfondo verde.

E’ pur vero che le autostrade francesi sono piuttosto costose, ecco perchè solitamente noi le evitiamo, anche perchè le statali sono belle e ben percorribili, ed in più ci godiamo il panorama.     Siccome al nord diverse autostrade sono anche gratuite, noi togliamo nel navigatore la voce PEDAGGIO, lasciando evidenziata la voce AUTOSTRADA, cosicchè eviteremo solo i tratti a pagamento.

E’ anche vero che alcuni magari hanno pochi giorni di ferie e quindi necessità di velocizzare il viaggio, per cui le autostrade sono indispensabili.    

Un suggerimento : se avete un camper mansardato generalmente al casello sarete classificati come classe 3 causa altezza (sopra i 3 metri di altezza come i camion) e pagherete tantissimo.  Ma siccome come camper il peso dovrebbe rimanere nelle 3,5 tonnellate, è successo in questo caso che chiamando l’operatore e dicendo di avere un camping-car  ti abbassano a classe 2 con notevole risparmio ( anche del 50%).

CLASSE 2 – – Veicoli o assiemi rotolamento cui PTAC è inferiore o uguale a 3,5 tonnellate e la cui altezza totale è strettamente tra 2 e 3 m

CLASSE 3 – – Veicoli con 2 assi la cui altezza totale è maggiore o uguale a 3 metri o con un GVWR superiore a 3,5 tonnellate.

 

Caselli e barriere accettano pagamenti mediante carte di credito (eccetto American Express e Maestro), noi usiamo spesso il bancomat..   Onde evitare problemi noi consigliamo di ritirare un po di contanti prima di percorrere una autostrada.

STRADE INTERURBANE                  Esistono 4 tipi di strade interurbane.

  1. Autoroutes (A): sono strade a multicorsie a scorrimento veloce nelle quasi si paga un pedaggio. In questa tipologia di strade non esistono i ticket in ingresso ma barriere ogni tot chilometri nelle quali viene chiesto il pagamento di un pedaggio forfettario. Siccome non viene accettato il nostro Telepass vi consigliamo di munirvi di monete o carte di pagamento.    Attenzione anche ai limiti di velocità in quanto sono strade munite di controllo elettronico molto severo.
  2. Routes Nationales(N, RN): strade  solitamente belle larghe e scorrevoli
  3. Routes Départementales (D): strade regionali
  4. Routes Communales (C, V): Stradine di campagna

 

Equipaggiamento Veicolo :

Triangolo –  obbligatorio

Giubbetto riflettente alta visibilità può avere il colore giallo acceso, arancione o rosso (deve essere presente nella cabina) quindi è obbligatori

Estintore-  Valigetta pronto soccorso – non sono obbligatori

Lampadine di ricambio – non obbligatori ma consigliate

 L’ etilometro non è più obbligatorio, se non lo avete a bordo non sarete multati per questo, e in ogni caso sappiate che il tipo monouso non costa molto procurarselo.   Leggete l’ articolo riportato in questo link:

https://www.asaps.it/40551-_francia_l_obbligo_di_viaggiare_con_l_etilometro_al_seguito_decade_dopo_pochi_me.html

Limiti di velocità

50 km/h nei centri abitati;

80 km/h fuori dei centri abitati;

110 km/h sulle autostrade urbane e sulle strade a doppia carreggiata separata;

130 km/h sulle autostrade (110 km/h in caso di pioggia).

Attenzione: a chi possiede una patente europea e supera il limite di velocità di oltre 40 km/h la patente verrà confiscata sul posto dagli agenti di polizia.

Le luci accese di giorno non sono obbligatorie ma raccomandate.

Numeri utili
Numero unico europeo: 112
Soccorso stradale (Arc Transistance): 0800/089222 numero verde per Soci ACI
Numero di assistenza soci ACI: +390266165538

Info http://www.aci.it/il-club/soci-in-viaggio/per-chi-va-allestero/guidare-in-europa/francia

OBBLIGHI PER MOTO O SCOOTER

Molti camperisti hanno con sè spesso uno scooter o similare per girare e scoprire in vacanza le meraviglie di Francia; ecco di seguito la normativa.

Documenti:
Patente, Carta di circolazione, Certificato di assicurazione.

Equipaggiamento Veicolo:
Giubbetto riflettente: obbligatorio (gilet giallo catarifrangente da indossare in caso di arresto sulla carreggiata – la multa in caso ne fossimo sprovvisti va da un minimo di 11 a un massimo di 135 euro)
Valigetta pronto soccorso: obbligatoria Kit omologato Din 13167 – Fai attenzione alla scadenza poiché se il kit risulta scaduto in caso di controllo non potrai fare nulla per evitare la multa.

Abbigliamento:

Con il decreto n.2016-1232 è entrato in vigore in Francia dal 2016 l’obbligo di indossare guanti omologati. Non importa se tu guidi una maxi-enduro, una crossover o addirittura una normale Vespa: devi sempre e e comunque avere dei guanti a norma di legge omologati secondo la normativa EN13594, anche se il tragitto da percorrere è breve.

L’omologazione corretta è riportata in un’etichetta all’interno dei guanti col disegno di un uomo in moto che parte dal livello 1 fino al più completo livello 2. Per la Francia deve l’etichetta DEVE avere la scritta EN13594. Se non indossi guanti omologati la sanzione prevista è di 68 euro, che può scendere fino a 45 euro se paghi subito.

Il casco da moto deve essere omologato secondo la normativa europea ECE per guidare in tutta tranquillità e tutelare la tua incolumità in caso di incidenti e cadute.

Limiti di velocità:
50 km/h nei centri abitati;
80 km/h fuori dei centri abitati;
110 km/h sulle autostrade urbane e sulle strade a doppia carreggiata separata;
130 km/h sulle autostrade (110 km/h in caso di pioggia).
Attenzione: a chi possiede una patente europea e supera il limite di velocità di oltre 40 km/h la patente verrà confiscata sul posto dagli agenti di polizia.

I TRAFORI per la Francia

Il traforo stradale del Frejus è una galleria a pedaggio che collega la Francia con l’Italia.

 È posto sotto il monte Frejus, fra le città di Modane in Francia e Bardonecchia in Italia e corre parallelo al traforo ferroviario del Frejus. Costituisce uno dei principali collegamenti transalpini fra Francia e Italia.

Il costo per veicoli uguali o inferiori a 3 metri di altezza è di euro 61,40 (lato francese euro 60,40) nel 2019

Andata e ritorno entro 7 giorni prevede una tariffa agevolata di euro 77,10 (nel 2019)

Può sembrare un po’ costoso, ma credetemi che, nonostante noi cerchiamo sempre di risparmiare, in alcune occasioni lo abbiamo trovato davvero comodo. 

 

-Il traforo del Monte Bianco (in francese, tunnel du Mont-Blanc) è un tunnel autostradale che collega Courmayeur, in Valle d’Aosta, a Chamonix, nel dipartimento francese dell’Alta Savoia, congiungendo la regione Rodano-Alpi alla Valle d’Aosta. 

Il costo per veicoli uguali o inferiori a 3 metri di altezza è di euro 61,40 (lato francese euro 60,40) nel 2019.    ATTENZIONE: i camper che superano i 3 metri di altezza vengono classificate classe 3 come i camion e pagano tantissimo, circa 164 euro ....direi meglio scegliere un altro percorso se le cose non cambiano !!!

RAGGIUNGERE LA FRANCIA ATTRAVERSO LA SVIZZERA

   Per utilizzare le autostrade e le superstrade svizzere tutti i veicoli devono essere provvisti di un contrassegno prepagato, conosciuto come “vignette” o vignetta.    Si deve esporre direttamente sul veicolo in modo ben visibile e controllabile dall’esterno, prima di imboccare l’autostrada. Sulle autovetture si applica all’interno del parabrezza, sul bordo sinistro o dietro lo specchietto retrovisore.     

Esiste un solo tipo di contrassegno  che ha durata annuale  con validità 14 mesi (12 mesi dell’anno solare + dicembre dell’anno precedente + gennaio dell’anno successivo) ed è valido per tutti i veicoli a motore, i rimorchi e i caravan fino ad un peso totale di 3,5 t. ed ha un costo di euro 36,50 nel 2019.

 Dove acquistare i contrassegni in Italia

I contrassegni possono essere acquistati presso gli Automobile Club Provinciali.

E’ possibile trovarli anche in prossimità della frontiera con la Svizzera, in tutti gli uffici doganali e nelle stazioni di servizio autostradali.

Attenzione anche al peso del camper a volte vengono fatti controlli.

 

  RAGGIUNGERE LA FRANCIA ATTRAVERSO L’ AUSTRIA E LA GERMANIA

Anche il sistema autostrale austriaco è a pedaggio e prevede l’ utilizzo di una speciale vignetta acquistabile con vari tipi di validità temporale. In aggiunta è da segnalare un pedaggio suppletivo, incassato tramite barriere autostradali, per alcuni punti in cui il costo di manutenzione dell’infrastruttura è particolarmente oneroso; tipicamente in tratti montagnosi o ricchi di gallerie.

(tratto da https://it.wikipedia.org/wiki/Autostrade_in_Austria)

Anche in Germania, dove sino ad ora la maggior parte delle autostrade erano gratuite, ma le cose pare cambieranno con l’ entrata in vigore del pagamento di una vignetta.

Recentemente infatti la Germania ha varato una legge che introduce dal 2019, per tutti gli automobilisti, un pedaggio sotto forma di bollino, tipo quello svizzero. Necessario averlo per poter viaggiare sui 13.000 chilometri della rete autostradale tedesca. Pedaggio anche per loro, quindi, che si può pagare sotto forma di bollino annuale o temporaneo dalla validità di 10 giorni, con prezzo che varia in funzione delle emissioni della propria vettura. Tuttavia i cittadini tedeschi riceveranno una riduzione sulla tassa di circolazione.

ATTENZIONE: ABBIAMO TRATTATO UN ARTICOLO A PARTE CIRCA IL BOLLINO AMBIENTALE in Francia divenuto d’ obbligo in alcune città, ma soprattutto a Parigi !!

Cliccate il link sottostante:

https://www.camperviaggiareinsieme.it/francia-in-camper-obbligo-di-bollino-ambientale

                    CALCOLIAMO IL PERCORSO E LA SPESA

Ho trovato un sito utile, si chiama Mappy, un ottimo motore di ricerca dove  potete selezionare camping-car – gazole e l’ itinerario che volete fare, senza pagamento su statali oppure in autostrada e vi da percorso e costi.

Questo il link per la Francia :

 https://fr.mappy.com/#/1/M2/TItinerary/IFR/N151.12061,6.11309,11.33424,44.48387/Z11/ 

17 pensieri su “Viaggiare in camper in Francia consigli utili

  1. Denasi Massimo

    gran bell’articolo, dettagliato , utile per conoscere e non cadere in spiacevoli inconvegnenti. Sono ormai sette anni che passo le vacanze nel territorio Feancese e tutte le volte scopro territori nuovi, sempre accoglienti e attrezzati . grazie Massimo

    1. camper_admin Autore articolo

      intanto grazie – certo anche per noi la francia è magica e quando è possibile ci trascorriamo anche alcuni mesi – presto metterò altri articoli in merito

    2. camper_admin Autore articolo

      la Francia è magica e non si finisce mai di scoprirla – io vorrei condividere nei miei prossimi articoli le nostre esperienze sperando possano esservi utili per programmare voi una bella vacanza

  2. Pasquale

    In Francia, e sulla costa azzurra, é possibile vedere posti molto belli, mangiare a un livello qualitativo altissimo e anche essere accolti molto gentilmente, non solo nelle strutture turistiche, in base alla nostra esperienza, ma ultimamente, arrivandovici da Ventimiglia con un camper furgonato nuovo, ad uno (dei tanti!!!) caselli autostradali abbiamo trovato uno sbarramento in altezza non preannunciato e quindi non più evitabile, una volta incolonnati, che ci ha causati CHF 2200 di danni, fuori dall’autostrada a Hyeres, abbiamo trovato stradine strettissime, ad altissima densità di traffico, zeppe di semafori rossi e di dossi artificiali, cioè, impraticabili, secondo noi, il carburante era un pò più caro che in Italia, in base agli scontrini ricevuti, da Hyeres a Ginevra abbiamo pagato 100 euro di pedaggio, non rintracciabili dal sito web. Noi non vi ritorneremo più ma auguriamo buon viaggio e buon divertimento al tantissimo pubblico che, incurante degli inconvenienti descritti, affolla quei luoghi bellissimi.

    1. camper_admin Autore articolo

      caro Pasquale liberissimo di scegliere la meta delle tue vacanze – la costa azzurra non è la vera Francia direi molto simile all’ Italia anche in quello che tu hai descritto per certi versi – snob e costosa – se vuoi conoscere posti unici devi andare verso nord in Bretagna e Normandia o in Alsazia, nel Perigord o la Costa Atlantica. Per quanto mi riguarda non cambierò meta perchè a un casello c’ è una sbarra o per i semafori…….la Francia è molto più accogliente che l’ Italia verso i camperisti con le sue 15000 aree sosta spesso gratuite e i campeggi a partire da 12 euro ….certo se ti fermi alla Costa Azzurra non hai visto nulla !!

  3. Enos

    Vorrei andare in Spagna e Portogallo e purtroppo devo attraversare la Francia ma ho sentito dire che è oltre che costosa per i pedaggi e rischiosa per i furti anche difficile per i camperisti in quanto a severità per i controlli del peso del camper. Vi chiedo se forse è più conveniente imbarcarsi a Genova e tragettarsi a Barcellona evitandola. Grazie

    1. camper_admin Autore articolo

      intanto sono tutte dicerie sia quelle sulla Francia che sui tanti furti in spagna – se leggi i miei diari io passo 3-4 mesi all’ anno in Francia e non direi mai purtroppo ma per fortuna. Mai sentito che in Francia controllino il peso dei camper. Le autostrade sono costose come in Italia dipende da quanto tempo hai a disposizione se hai pochi giorni e quindi fretta meglio fare autostrada ma certo non credo ti costi più che imbarcarti. Unica vera raccomandazione non sostare MAI negli autogrill quelli sono più facilmente a rischio furto. Poi come ovunque mettere sempre antifurto e mai sostare isolati. Se hai abbastanza giorni di tempo puoi anche fare autostrada solo per un tratto per superare le Alpi e la costa azzurra che io non considero la vera Francia per uscire dopo magari in Camargue e proseguire su statali. Nel blog comunque trovi diari su tutta la costa sud della Francia e poi sulla spagna

  4. claudio Leni

    Grazie per le informazioni. Io voglio andare in Portogallo ed il mio camper è un mansardato arca europa ’92 con altezza 2,80 circa alla mansarda, ma ho una bauliera che porta l’altezza totale a 3,10 : visto che vorrei dotarmi del telepass europeo, quindi senza aver la possibilità di controllare al casello ogni volta la classe rilevata, devo adattarmi a toglierla? Grazie ancora. Claudio

    1. Andrea

      confermo che devi stare attento al discorso del Telepass Europeo, il tuo dubbio l’ho avuto anche io e grazie al fatto che non avevo tempo di farlo sono partito senza. Mi sono trovato subito il problema al primo casello, dove per fortuna, notai Classe 3 e li mi sorse il dubbio.
      chiamai con il citofono il personale addetto e per fortuna e adesso so giustamente, mi ha cambiarono la classe…
      se avessi avuto il telepass me ne sarei accorto solo e forse quando sarebbe arrivata la fattura.
      io ho un Super Brig 678 e misura 2,90 circa… ma con il climatizzatore da cellula arriva a 3,15 mt
      quindi tra velox e autostrada se non stavo attento avrei preso una bella “spennata”.
      buoni km a tutti

  5. max

    Ciao a tutti.
    Viaggio in camper da molto tempo facendo spesso sosta libera in tutti i paesi che attraverso.
    Non ho mai avuto problemi di sorta. E’ importante riuscire a capire la zona in cui si vuole passare la notte (non deve essere isolata, meglio se in compagnia di altri equipaggi, non stare in luoghi troppo appartati e solitari e soprattutto notare come si comportano gli equipaggi del posto… confermo però di prestare attenzione alla Francia del sud…
    per il resto buoni Km a tutti.

  6. Giuseppe

    Grazie per le informazioni, la prossima estate vorremmo andare in Francia in camper e sarà la nostra prima volta in camper. Ogni informazione ci sarà di grande aiuto.
    Grazie

    1. camper_admin Autore articolo

      Ciao vedrai la Francia non ti deludera- noi la conosciamo molto bene ci torniamo ogni anno tanto e’ accogliente per i camperisti…i nostri articoli ti aiuteranno sicuramente per organizzare una buona vacanza in base alle tue esigenze – li puoi anche scaricare nel cellulare e consultarli in viaggio anche senza internet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.