Francia atlantica in camper: da Noirmoutier a Rochefort

Logo SitoVi raccontiamo un’ altra parte  di Francia atlantica in camper, l’ Aquitania del nord, tra meravigliose isole, importanti città storiche ed anche qualche villaggio all’ interno, magari meno conosciuto ma sempre interessante.

Partiamo dall’ ISOLA Di NOIRMOUTIER raggiungibile o tramite il ponte (gratuitamente) o facendo il PASSAGE DE GOIS.

Il Passage du Gois è letteralmente una strada sott’acqua! Lungo 4,2 km, il Passage collega infatti l’isolotto di Noirmoutier alla terraferma, ma è percorribile solo per sei ore al giorno a causa delle due maree che lo allagano per le restanti diciotto.   Vi assicuro che mette sempre un po’ di ansia….!!

Non parliamo di un allagamento superficiale: la strada viene sommersa fino a 4 metri ed è pertanto estremamente pericoloso ignorare gli avvisi che intimano di non trovarsi sulla lingua di asfalto in prossimità della marea montante!

Per una visita in assoluta sicurezza (a piedi, in auto o in bicicletta), occorre visualizzare il display che comunica l’orario ufficiale della bassa marea: nell’ora e mezza che precede e nell’ora e mezza che segue, potrete transitare sul Passage, non oltre.

Purtroppo c’ è ci non fa attenzione e si lascia sorprendere dalla marea sia a piedi che in auto, guardate questo interessante video tratto da Youtube 

Per fare alcune foto noi ci siamo fermati dal lato dell’ isola lungo la strada prima di entrare in mare – Gps 46°56’01.2″N 2°08’53.9″W

 

                                                                                    Dalla parte della terra ferma ci sono varie possibilità di sosta.

AREA PARADIS DU GOIS – privata – in pratica un parcheggio su erba – Le petit Ped,  Beauvoir sur Mer – 10 posti – a pagamento 5 euro – no servizi ( a 3 km in altra area) – Le passage a 900 metri – Gps 46°54’56.9″N 2°06’02.5″W

AREA MUNICIPALE DI BEAUVOIR SUR MER – Rue de Nantes, Beauvoir sur Mer – A PAGAMENTO 5 EURO – SERVIZI – biglietteria automatica – su asfalto – Le Passage de Gois a 5 km – Gps 46°54’60.0″N 2°02’48.0″W

AREA DE BOUIN – Le Port du Bec,  Beauvoir sur Mer – Lungo corsia di parcheggio lungo l’antico porto – panetteria intorno alle 9.30 – a pagamento 5 euro – servizi – Le passage de Gois a 4,5 km – Gps 46°56’21.6″N 2°04’24.5″W

Logo SitoAnche l’ isola di Noirmoutier sorprende per l’ incredibile varietà di paesaggi: spiagge, foreste, dune, paludi.                L’isola offre inoltre prodotti locali come le patate di Noirmoutier, finocchio e sale marino (visitate le saline), ma anche pesce, ostriche e crostacei, quindi vi consiglio una visita al mercato coperto.

In città si può visitare il Castello Noirmoutier e il suo museo, con la sua magnifica collezione di ceramiche inglese, i suoi modellini di barche, e sale dedicate alle guerre Vendée.  Inoltre c’ è la Chiesa di San Philbert (XI secolo) e la tomba del patrono di questa chiesa (VII sec.).

AREA SOSTA MUNICIPALE con servizi – a pagamento – 1 km dal centro – Place Florent Caillaud,  Noirmoutier en l’Ile – Gps 47°00’07.2″N 2°15’08.3″W

PARKING GANACHAUD – AREA SOSTA  con servizi – Rue du Port,  Noirmoutier en l’Ile – a pagamento – 20 posti – 1,5 km dal centro – Gps 47°01’12.5″N 2°18’03.2″W

CAMPING HUTTOPIA NOIRMOUTIER – Allée des Sableaux Bois de la Chaise 23,  Noirmoutier en l’Ile – Tel.: +33251390624 – Aperto: 6/4 – 2/10 – vicino a mare e spiaggia – centro a 1,5 km – Gps 46°59’49.0″N 2°13’12.4″W

Logo SitoA seguire eccoci a La ROCHELLE in una giornata uggiosacittadina che si apre sul mare con un importante porto che da sempre ha accolto l’ approdo dei pescherecci, in questa baia protetta da diversi isolotti mantenendo le acque dell’ oceano tranquille.

Sorvegliato dalla torre della Chaîne e da quella di Saint-Nicolas, il Porto Vecchio, dove spicca anche il Faro bianco e rosso, ha ispirato numerosi artisti. Dopo una passeggiata sulle banchine, si  imboccano le belle stradine della città vecchia su cui si affacciano palazzi, dimore rinascimentali e antiche abitazioni a graticcio. 

L’edificio principale in stile rinascimentale del municipio, risalente al periodo fra il XV e il XVI secolo, vanta un muro di cinta in stile gotico fiammeggiante; ricordiamo anche il Duomo Saint Louis.

Sul porto vecchio, in Quai Louis Prunier, si affaccia anche l’ Acquario di La Rochelle, inaugurato nel 1988, copre 8.445 m² e ospita 12.000 animali di 600 specie diverse.     

Diversi i musei: Il Bunker che racconta la storia della città durante la II guerra mondiale, il Museo delle belle Arti, il Museo Marittimo e il Museo di Storia Naturale.

Ma noi non ci siamo persi un altro genere di Museo, in Rue de la Désirée n.13: Musée de l’ Automate, degli antichi automa, più di 300 personaggi vari anche davvero molto antichi che tramite alcuni meccanismi compiono diversi movimenti, il tutto in una ambientazione unica d’ altri tempi.  PARCHEGGIO Gps 46°09’06.5″N 1°09’23.0″W

Lo consiglio vivamente, anche perchè compresa nel biglietto c’ è la visita al Museo a fianco delle Miniature o modellini, dalle navi, ai treni ecc.

PARCHEGGIO DEL LICEO HOTELIER – Avenue des Minimes,  La Rochelle – disponibile solo a luglio e ad agosto – gratuito – vicino al porto – Gps 46°08’37.1″N 1°09’44.2″W

AREA SOSTA a pagamento 15 euro con servizi – Avenue Jean Moulin,  La Rochelle – nel biglietto è compresa NAVETTA GRATUITA per il centro – Gps 46°09’10.2″N 1°08’23.6″W 

Logo SitoSiamo nelle vicinanze dell ‘ ILE DE RE, famosa località turistica, che si raggiunge tramite un lungo ponte a PEDAGGIO, per i camper il costo è di ben 16 euro, oppure tramite ciclabile sullo stesso ponte.      Noi decidiamo di sostare nel parcheggio misto a sinistra dell’ imbocco del ponte (Gps 46°10’27.0″N 1°13’08.5″W) e di proseguire con le biciclette; inutile dire la meraviglia del paesaggio giunti in cima al ponte !!

In effetti la bicicletta è il modo migliore per scoprire questa isola, in mezzo le saline, piccoli boschi, spiagge e incantevoli villaggi: lunga 30 km con oltre 110 km di piste ciclabili !!!!!     

Ma oltre all’ estate questa è una isola bella da scoprire in ogni stagione, con i diversi ambienti naturali, con i colori che cambiano, le brughiere, piccole paludi, la flora e la fauna, le dune e le spiagge, il faro des Baleines e l’ oceano che la circonda.

L’Ile de Ré dispone di 10 villaggi, tutti collegati tra loro in bicicletta. Un ufficio informazioni turistiche è disponibile in ogni villaggio per prendere una mappa ciclistica.        Anche qui non dimentichiamo gli allevamenti di ostriche da gustare direttamente sul posto.

Una curiosità: l’ isola è famosa anche per i suoi tipici asini in Coulotte, caratteristici per l’ utilizzo di questa sorta di pantaloni, che li rendono buffi ma li proteggono dalle zanzare; i diversi colori delle Coulottes identificano anche i vari proprietari.

Logo SitoLe più belle spiagge di sabbia tendono ad essere situato sulla costa sud e ovest dell’isola, delimitata da dune e foreste (Le Bois-Plage, La Couarde). Sono litorali più protetti e più adatti per il nuoto rispetto al nord, dove la costa offre invece piccole calette rocciose e porti turistici (St. Martin, La Flotte, ARS). All’estremità nord dell’isola, dal faro delle balene al villaggio di Portes en Ré si estende la bella spiaggia di “La Conche Whale”.        Rivedoux è l’unico paese che ha un porto e due grandi spiagge di sabbia che si estendono su entrambi i lati del ponte dell’ isola.     La spiaggia di Notre-Dame è consigliata per frutti di mare, quelli Montamer e la Salèe permettono di nuotare con l’alta marea, quella di Grenettes è raccomandato per il surf. (alcune informazioni sono tratte da http://www.iledere.com/ )

AREA SOSTA a pagamento con servizi – Saint-Martin-de-Ré, 27-33 Rue du Rempart – in paese – a 700 metri dal porticciolo – 46°11’57.4″N 1°21’56.2″W

AREA SOSTA a pagamento con servizi – Le Bois-Plage-en-Ré, 70 Avenue du Passage des Bœufs – a 300 metri da bella spiaggia – 46°10’37.6″N 1°23’10.6″W

AREA SOSTA a pagamento con servizi – Saint-Clément-des-Baleines, 1-91 Rue de la Forêt – comoda per visitare la parte nord dell’ isola e il faro 46°13’38.9″N 1°32’47.3″W

Molti comunque i campeggi sull’ isola che offrono certamente più confort.       In questo sito trovate l’elenco http://www.iledere.com/preparez-votre-sejour/ou-dormir/campings 

Per la notte ci spostiamo ad  ANGOULINS SUR MER in  Rue du Chay, dove trovate : AREA GRATUITA per una quindicina di camper (ovviamente in agosto sempre occupato), fronte mare, no servizi – con docce fredde e wc nelle vicinanze  – con fondo sabbioso non comodo in caso di pioggia  Gps 46°06’15.0″N 1°07’53.8″W  

Sulla stessa strada c’ è un PARCHEGGIO MISTO su asfalto, costo 3 euro, dove anche noi abbiamo dormito come vedete dalla foto Gps 46°06’24.2″N 1°08’07.4″W

CAMPING LES CHIRATS – route de la Platère, Angoulins – Telefono: +33 5 46 56 94 16 Apertura 01/04 al 30/09  – Gps  46°06’13.0″N 1°07’50.0″W

Nelle vicinanze trovate molte colture di ostriche, sentieri pedonali e ciclabili.

Logo SitoScendiamo verso la penisola di Fouras-les-Bains che si estende per 4 chilometri ed ha cinque spiagge sabbiose, protetta dai forti che la circondano, tra querce e i pini, offrendo un ambiente verde e rilassante.  Ed ancora degustazione ostriche ma non solo !

AREA SOSTA MUNICIPALE  – Rue de l’Esperance 20,  Fouras – A pagamento a 8,20 con carta servizi – Spiaggia 100m – centro 2km – Gps 45°58’43.6″N 1°04’57.4″W – solo 20 posti ma è di fronte al CAMPING MUNICIPALE DE L’ ESPERANCE comodo e fronte spiaggia.

A la Pointe de la Fumée c’ è la possibilità di prendere traghetto verso la vicina isola incontaminata di Aix ; ricca di spiagge di sabbia fine e insenature, è il regno di pedoni e ciclisti. I sette chilometri del sentiero dei doganieri poi sono il percorso ideale per chi desidera andare alla scoperta delle coste.

Il Museo napoleonico, che si trova nella casa che accolse Napoleone fra il 12 e il 15 luglio del 1815, è dedicato alla memoria dell’imperatore.

Attenzione perchè il parcheggio a la Pointe de la Fumée è alquanto costoso; intorno trovate vari ristoranti di pesce.

Logo SitoProssima tappa è ROCHEFORT, città reale, nata dalla volontà di Luigi XIV.   Essa custodisce numerose tracce del proprio passato marittimo. L’arsenale marittimo, creato da Colbert nel XVII secolo, si visita insieme alla Corderia reale e ai bacini di carenaggio, uno dei quali ospita il cantiere di ricostruzione della fregata Hermione. 

La Corderia lunga 374 metri per 8 metri di larghezza, presenta dimensioni impressionanti che sono legate al lavoro che è stato effettuato. E’ all’interno di questa fabbrica, la più lunga d’Europa del XVII secolo, che venivano intrecciate le corde di una gomena (200 metri di lunghezza) destinate ad equipaggiare le navi da guerra del Regno.
Visitandola, visto anche il prezzo, sinceramente mi aspettavo di vedere qualcosa in più al suo interno. 

Più interessante il Museo della Marina, si trova all’interno di uno dei più belli edifici storici della città di Rochefort, l’Hotel de Cheusses (dal nome dell’ultimo signore di Rochefort). Classificato Monumento Storico nel 1932, si decide di utilizzarlo per ospitare le collezioni dei modelli e delle sculture dell’arsenale marittimo.

Logo SitoLe Musèe des commerces d’ autrefois cioè il Museo dei mestieri di altri tempi a Rochefort, è il tipo di museo che noi preferiamo visitare.  Ne abbiamo già visti diversi del genere in tutta Francia, ma non ci stanchiamo mai; si torna indietro nel tempo dal fotografo, dal macellaio, il sarto, il barbiere, il calzolaio, il giornalaio, la scuola, il bar ecc ecc.  Assolutamente consigliato.

Se vi spostate in camper per la visita vi consiglio il PARKING ROY BRY gratuito centrale vicino all’ ufficio del turismo Gps 45°56’12.2″N 0°57’56.7″W e poi raggiungere il museo a piedi in Rue Lesson 12.

Imponente poi l’ antico ponte trasportatore ancora funzionante, al momento era in manutenzione.

AREA SOSTA MUNICIPALE – Avenue de la Fosse aux Mâts,  Rochefort – euro 4,10 – SERVIZI GRATUITI – centro 2 km – piste ciclabili – Gps 45°55’39.0″N 0°57’17.2″W

AREA SOSTA – Avenue Marcel Dassault, Rochefort – euro 6 -no servizi – centro 500 m. – panetteria nei pressi – riempimento toilette / acqua e svuotamento a 300 metri presso l’edificio porta dietro la Lidl – Gps  45°56’49.5″N 0°57’35.0″W

AREA SOSTA – Rue de la Vieille Forme,  Rochefort – euro 7 – no servizi (qualcuno scrive possibili servizi vicini uffici) – centro 1,5 –  Gps 45°56’39.0″N 0°57’19.0″W

Logo SitoPuntiamo verso l’oceano e ad una piccola isola ILE MADAME che si raggiunge attraverso un passaggio chiamato LA PASSE AUX BOEUFS che parte da Port-des-Barques sulla riva sud dell’estuario della Charentea, a piedi, in calesse, in bici o in auto con la bassa marea che scopre una strada sterrata……….ma attenzione agli orari se non volete restare bloccati sull’ isola.

Prima di intraprendere l’ attraversata c’ è un PARCHEGGIO misto fronte mare Gps 45°56’56.7″N 1°05’46.0″W oppure subito dietro il CAMPING LA GARENNE.

Si è fatto quasi sera e Mauro decide di passeggiare lungo la costa con i nostri cagnolini sino ad arrivare alla punta e scoprire una bella spiaggia, dove si è anche formata una piscina con acqua bassa ideale per fare il bagno.    E poco dopo ecco spuntare piccole capanne collegate alla terra da un pontone, con una o più reti quadrate utilizzate per pescare. Elencati nel patrimonio dipartimentale, deliziano gli occhi dei visitatori con i loro bellissimi colori.

E poi che bello la sera sedersi su una panchina ad aspettare il tramonto !!   Al risveglio c’ era l’ alta marea quindi noi non siamo andati sull’ isola, dove tra l’ altro volendo c’ è IL CAMPING L’ Ile madame, poco dietro al Forte. Gps 45°57’33.8″N 1°07’00.5″W

A fianco trovate la Ferme Aquacole, una struttura di produzione familiare che vi propone di assaggiare i prodotti dell’ agriturismo.

La zona che continua lungo la costa dall’ Isola d’ Oleron sino a Bordeaux l’ abbiamo trattata in un altro articolo, questo il link :

https://www.camperviaggiareinsieme.it/francia-costa-atlantica-in-camper-da-l-ile-d-oleron-a-bordeaux

 Logo SitoAndando invece verso l’ interno ecco alcune altre cittadine che meritano una sosta.

Ad esempio SAINT SAVINIEN è un villaggio pittoresco sulle rive della Charente ricco di patrimonio storico, a iniziare dalla sua chiesa e dall’ Abbazia agostiniana.         In Rue de Carrieres potrete ancora ammirare alcune antiche case semi-troglodite costruite dentro la roccia. In fondo alla passeggiata a fianco della Charente in Quai du Port troverete le CARRELETS cioè le antiche postazioni di pesca con le grandi reti.

Ma cosa colpisce è il bellissimo Parco con al suo interno un laghetto e il Porto in Miniatura, per un gran divertimento in famiglia a bordo di queste mini-imbarcazioni. Un vero mini-paradiso che in piena estate si animerà moltissimo; anche i nostri cuccioli hanno gradito un po’ di verde !

Due i parcheggi messi a disposizione per i camper: il primo lungo le rive del canale con tavoli pic-nic (Gps 45°52’32.9″N 0°41’04.8″W) – il secondo all’ interno del Parco (Gps 45°52’42.6″N 0°41’11.4″W) Servizi possibili all’ esterno del Campeggio Municipale (Gps 45°52’41.1″N 0°41’04.1″W)

Fondata nel I secolo, SAINTES è una città di arte e storia con un importante patrimonio architettonico e religioso. L’anfiteatro gallo-romano, l’arco romano di Germanico, l’Abbaye-aux-Dames e la sua magnifica chiesa abbaziale romanica saintongeais o la cattedrale Saint-Pierre testimoniano il suo ricco passato.

AREA PARCHEGGIO – Avenue de Saintonge, Saintes –

a pagamento 5 euro – servizi – centro a 1 km – Gps 45°44’25.8″N 0°37’38.8″W

 La città di COGNAC è ​​sicuramente la culla del “liquore degli dei”. Il cognac. Vieux Cognac è la parte medievale della città che si estende dalla Porte Saint-Jacques, sul bordo della Charente, alla chiesa di St. Leger.

Logo SitoIl castello di Cognac , che oggi ospita la casa del cognac Otard, era la residenza preferita del Valois d’Agoulême. Non lontano dal centro, non dimenticate di visitare il parco Francesco che si estende fino alle rive del fiume. Altri siti da vedere sono la chiesa di Saint-Martin, il lavatoio e i resti del cimitero merovingio.

AREA PARCHEGGIO MISTO – Place de la Levade [Quartier St.Jacques], Cognac, – comodo per la visita GRATUITO CON SERVIZI – Gps 45°41’55.4″N 0°19’58.4″W

PONS è antica cittadina medievale con il suo Donjon considerato il più grande della regione.  Ritroviamo l’Ospedale Pellegrini costruito nel XII secolo e la chiesa Saint-Vivien .   Parcheggio Avenue du Poitou, Pons – gratuito con servizi – Gps 45°34’40.3″N 0°33’20.2″W – poco prima del Campeggio municipale

JONZAC, città termale e ricca di zone verdeggianti. dove passeggiare, ritrovare un mulino a vento ed uno ad acqua, oltre a resti di vestige romane.

Da ricordare il suo castello che si trova su uno sperone calcareo in piena Valle del Seugne, la chiesa di Saint-Gervais-Saint-Protais e una porta, ancora presente, rivela gli unici resti dell’antica cinta muraria Jonzac.

Buona area sosta – Place saint Exupéry, 17500 Jonzac – 9 euro con 2 ore di elettricità e 10 minuti di acqua – a 100 m. dal campeggio comunale – vicina al Parco verde – Gps 45°26’33.4″N 0°25’56.9″W

Logo SitoSAINT EMILION si trova al centro di uno dei vigneti più prestigiosi del bordolese.   Esso vanta però anche un patrimonio architettonico di tutto riguardo: palazzi antichi, Torre du Roy, il chiostro della collegiata e le antiche nicchie funerarie, l’insolita chiesa monolitica dell’XI secolo scavata nella roccia o il chiostro dei Cordeliers.

E poi bisogna assaggiare i deliziosi dolcetti chiamati “macarons” realizzati artigianalmente fin dal 1620 che abbiamo dovuto assaggiare !
Parcheggio misto spesso occupato da auto – bisogna arrivare o al mattino presto o la sera tardi – Gps 44°53’49.2″N 0°09’25.3″W

Ecco a voi la mappa interattiva del percorso:

Un percorso interessante che oltre a esplorare le isole ci ha portato anche attraverso città marinare molto antiche, o più all’ interno a conoscere villaggi ricchi di carattere, ed anche con questo diario, che racconta una parte dei nostri viaggi, speriamo sempre di esservi utili per organizzare al meglio le vostre vacanze……continuate a seguirci !!

AVVERTENZE
I nostri diari raccontano viaggi fatti in diversi anni per cui le cose da noi menzionate nel tempo si sa possono cambiare: le soste gratuite possono diventare a pagamento, i prezzi possono aumentare, le aree di sosta possono cambiare gestione o chiudere, ed anche la qualità dei servizi può migliorare o divenire più scadente.    Anche in base al periodo le situazioni possono variare; alcune soste in libera possibili in inverno in estate piena stagione turistica potrebbero essere meno tollerate, o certi comuni possono porre divieti ai camper dove prima non c’ erano.

Logo Sito

7 pensieri su “Francia atlantica in camper: da Noirmoutier a Rochefort

  1. Gina

    Complimenti per i tuoi diari non solo bellissimi, ma sopratutto chiari, utili e indispensabili per ogni camperisti nuovo o vecchio amante della straordinaria terra bretone.

  2. campervan hire

    Good day! I know this is kind of off topic but I was wondering which blog
    platform are you using for this site? I’m getting sick and
    tired of WordPress because I’ve had issues with hackers
    and I’m looking at alternatives for another platform.
    I would be awesome if you could point me in the direction of a good platform.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.