Scopriamo l’ Andalusia in camper (5)

Logo SitoScopriamo questa ultima parte dell’ Andalusia in camper, ripartendo dalla costa nei pressi di Gibilterra sino al confine col Portogallo.  Nei precedenti quattro articoli che vi invito a leggere abbiamo viaggiato attraverso lungo tutta la costa andalusa, da Cabo de Gata sino a Malaga e Marbella, per andare nell’ entroterra a conoscere con Ronda alcuni dei più bei “pueblos blancos”, e abbiamo proseguito per visitare le grandi città ricche di storia e tradizioni come Granada, Cordova e Siviglia.

Siamo nuovamente lungo la costa e precisamente ad ESTEPONA.  Circondata dal mare e dalle montagne,  riesce a godere di più di 325 giorni di sole all’anno; ha due spiagge Bandiera Blu, un moderno porto turistico con molti tapas bar e ristoranti. Il centro della città con pareti bianche ha molti negozi e piazzette pittoresche. 

http://www.casaconcept.net

CAMPING PARQUE TROPICAL – Avda. Parque Selvo,  Estepona – Aperto tutto l’ anno – fuori città – spiaggia raggiungibile tramite tunnel che passa sotto autostrada – Gps 36°27’14.5″N 5°04’50.5″W 

PARCHEGGI MISTI – vicino al PORTO – Gps 36°24’53.2″N 5°09’37.1″W oppure avanzando verso Playa del Cristo Gps 36°24’52.3″N 5°09’47.9″W (verificare se possibile in alta stagione)

Ci avviciniamo a La Linea de la Conception e quindi a GIBILTERRA. Posizionata intorno alla famosa Rocca che si staglia a 400 m . sul livello del mare,  è una colonia britannica che si trova all’estremità meridionale della penisola iberica dove il Mar Mediterraneo si incontra con l’Oceano Atlantico.

Il centro storico della città è tipicamente inglese, mentre il castello moresco è una delle poche testimonianze rimaste della dominazione araba. 

Dalla Rocca, oggi una riserva naturale raggiungibile in funicolare, si possono ammirare paesaggi meravigliosi; nella riserva è possibile anche venire a contatto con i famosi macachi, delle scimmie selvatiche introdotte nei secoli scorsi dall’Africa.

https://andaluciatravelguide.com

All’estremità nord della Rocca si trovano The Great Siege Tunnels, o Gallerie Superiori, un sistema di gallerie lungo oltre 70 chilometri scavate nella parete rocciosa nel corso del XVIII secolo dai soldati britannici durante il Grande Assedio. 

Nelle gallerie visitabili vi sono diversi manichini con uniformi d’epoca diversi cannoni e varie riproduzioni di scenari di guerra con tanto di sonoro per rivivere quei momenti.

AREA SOSTA LA LINEA DE LA CONCEPTION – Avenida Principe de Asturias N351,  La Linea de la Concepcion – a pagamento 12 euro – servizi gratuiti – parcheggio proprio al confine con Gibilterra (700m in dogana)-bella vista-centro 1 km – lavanderia automatica vicina – Gps 36°09’19.7″N 5°21’15.7″W

Altro parcheggio viene segnalato vicino alla Stadio Municipal de la Linea – 4 euro per 24 ore – vicino a spiagge – verificare per i servizi – Avenida Principe de Asturias 230  – Gps 36°09’19.7″N 5°21’15.7″W

Sul lato opposto della baia di Gibilterra si trova Algeciras, un’importante città industriale e il principale porto per i collegamenti tra Spagna e Africa.                 PARKING PALMONES – fronte ufficio biglietteria x Marocco – Calle Fragata, 32,  Algeciras – 10 posti – gratuito – Gps 36°10’45.8″N 5°26’27.9″W

Continuando sulla costa de La Luz eccoci a TARIFA, il punto più vicino allo Stretto di Gibilterra, dove il Mar Mediterraneo si unisce con l’Oceano Atlantico, anche conosciuta come la città del vento per via del Levante che soffia spesso in queste zone e proprio per questo le attività legate al Surf sono tantissime.

Nicola Quarenghi Maggi

 Ma ci sono anche dei monumenti da vedere, da assaggiare fantastiche tapas e il buonissimo vino andaluso. Tra le attrazioni principali troviamo il Castello di Tarifa, o di Gusman il buono, ed  anche la Puerta de Jerez, si tratta di una parte delle mura della città che sono state ricostruite.

Ci sono poi anche ben più di 50 grotte e tra le più importanti troviamo, senza nessun dubbio, la “Cueva del Moro”, infatti all’interno i reperti trovati risalgono a più di 18 mila anni fa.     E ancora a Tarifa troviamo anche la Necropoli de Los Algarbes, uno dei più importanti luoghi che hanno tracce dell’Età del Bronzo. 

NUOVA AREA SOSTA TARIFA – Calle Mar del Norte,  Tarifa – A pagamento 8 euro – servizi gratuiti – a 10 minuti a piedi in centro e al porto – Gps 36°01’05.1″N 5°36’37.1″W

 PARCHEGGIO – Calle Ciguena blanca fronte Mare con tanti camper – Gps 36°01’30.4″N 5°36’51.7″W – Poco dopo in calle Milano Negro il parcheggio è su asfalto – Gps 36°01’26.0″N 5°36’58.6″W

OTTIMO DISTRIBUTORE SULLA N-340 -con servizi di carico e scarico 3 euro – lavanderia a gettoni – persino possibilità di lavare i nostri cani – lavaggio camper – bagni – possibilità di acquistare bombola – Gps 36°01’35.5″N 5°36’27.7″W

foto https://www.park4night.com

CAMPING RIO JARA – Carretera National. km 81,  Tarifa  – Tel.: +34956680570  – Aperto tutto l’ anno – su bella spiaggia –  Gps 36°02’33.5″N 5°37’44.5″W

CAMPING TARIFA – N-340, km 75,5,  Tarifa – aperto tutto l’ anno – Tel.: +34956684778  – nei pressi della spiaggia – città 5 km – Gps 36°03’18.3″N 5°38’59.7″W

Qui ritroviamo ben 10 chilometri di costa, e le spiagge di Tarifa sono famose per via del particolare colore bianco ed anche per la natura che le circonda. In particolare, tra le migliori spiagge troviamo la Playa Chica, la Caleta e Playa de los Lances, incontaminate.

A  Nord di Tarifa c’ è anche Punta Paloma famosa per via dei mulini a vento che sono allineati sulle colline, e per la Duna.    Proprio qua a fianco noi ci siamo fermati una notte sulla Playa Valdevaqueros, insieme a diversi altri camper o similari, tra tanti giovani surfisti che hanno suonato la loro chitarra sulla spiaggia.   Gps 36°04’04.8″N 5°41’06.4″W

Punta Paloma

CAMPING VALDEVAQUEROS – C.N.340 km 75,5,  Tarifa – Tel.: +34956684174  – APERTO TUTTO L’ ANNO – nei pressi della spiaggia – buon servizio – Gps 36°04’09.1″N 5°40’50.6″W

foto Nicola Quarenghi Maggi

Vista l’incredibile vicinanza con il Marocco, da Tarifa è possibile raggiungere Tangeri. Infatti, ogni giorno, ci sono dei traghetti che fanno la tratta Tarifa – Tangeri con un tempo di percorrenza di soli 35 minuti. Dunque è possibile fare un’ottima escursione in Africa di anche solo un giorno, per godersi le bellezze della città di Tangeri.

foto Franca Gianni Ferrero

Impossibile non sostare dopo soli 20 km da Tarifa nei pressi della bellissima spiaggia di BOLONIA, un paradiso terrestre.     Lunga 4 km all’estremità settentrionale della baia sabbiosa si trova un’enorme duna di sabbia, una delle più grandi in Europa, alta 30 metri e lunga 200 che sfuma nella pineta di Punto Camarianal.

Bolonia può essere divisa in tre aree principali : la zona della duna, la spiaggia principale e la zona in direzione di Tarifa, con calette e spiagge isolate. 

L’unico problema anche qua si presenta quando c’è vento, che diventa insopportabile stare in spiaggia.

PARCHEGGIO Gps 36°05’18.8″N 5°46’19.5″W

 

La fama di Bolonia è dovuta anche alle rovine romane della città di Baelo Claudia con tanto di teatro romano e foro. Infatti, la località è uno dei siti archeologici più importanti di tutta l’Andalusia.

AREA SOSTA BOLONIA – El Lentiscal, 27 Tarifa – A pagamento 12 euro – 5 euro elettricità – servizi – no ombra – docce all’ aperto calde e fredde – 150 metri dalla spiaggia – Gps 36°05’15.8″N 5°45’56.3″W

 

 

 

 

foto di Franca Baroncini

Anche a  BARBATE trovate una zona con dune e grandi spiagge, infatti è il secondo comune (dopo Tarifa) con più chilometri di spiaggia della provincia, a fianco del Parco Naturale.

 

http://www.barbate.net/

http://www.cadizturismo.com

Barbate è un porto di pescatori pieno di barchette e colori, dedita alla pesca del tonno, ecco perchè bisogna assolutamente fare la degustazione del tonno locale in uno dei chiringuitos in riva all’Atlantico.  È una delle cittadine portuarie più importanti d’Andalusia e sicuramente, grazie al suo paesaggio, anche una delle più graziose.

AREA SOSTA PUERTO DEPORTIVO – Dársena Deportiva. Avenida del Mar, s/n, Barbate – Al mare – centro 1,5 km – a pagamento 12 euro – servizi – su asfalto – Gps 36°11’01.6″N 5°56’07.8″W 

Poco dopo andando sempre verso nord ecco LOS CANOS DE MECA, altra famosa località definita un paradiso, anche se considerata per certi versi alternativa, in quanto alcune zone sono per naturisti, ma la rimanente superficie offre la possibilità di usufruire tranquillamente di questa meraviglia.

Da qui si scorge il Cabo de Trafalgar, con il suo faro e una torre del secolo XVII, dove avvenne la celebre battaglia di Trafalgar e gli spagnoli furono sconfitti dagli inglese sotto la guida del generale Nelson.

https://www.campingfarodetrafalgar.com

CAMPING FARO DE TRAFALGAR – Avenida de Las Acacias , 3  Barbate Caños de Meca- Cádiz – Tel. +34 956 43 70 17 – Aperto tutto l’ anno – Gps N 36° 11′ 20.312” W 6° 1′ 32.427” (36.188944, -6.025794)   

Proseguiamo per arrivare ad una spiaggia che ci ha lasciati ancora una volta veramente senza fiato, la spiaggia di EL PALMAR,  considerata ancora una delle più belle spiagge della Costa de la Luz ; l’unico inconveniente è il “levante”, un vento alquanto fastidioso in certe giornate.   Una spiaggia sicuramente dedicata al surf.

In questa zona ci sono in alcune zone divieto sosta camper in libera – ma spostandosi un po dal centro e ancor più fuori alta stagione è possibile godere di bellissimi tramonti vicino la spiaggia.

PLAYA MANGUETA -PARKING (dopo strada sterrata) sul mare Gps 36°12’26.7″N 6°03’09.9″W

PARCHEGGIO SU PRATO fronte spiaggia – molti parcheggi anche per persone disabili sulla strada – Gps 36°12’26.7″N 6°03’09.9″W

Da qui vi consiglio di percorrere tutto il PASEO MARITIMO per trovare parcheggio.   I parcheggi qui descritti potremmo essere cambiati nel tempo sono da verificare.

PARKING DEL PALMAR (4 parcheggi per disabili) sempre fronte spiaggia  – pochi posti ma si fermano anche lungo la strada Gps 36°14’35.2″N 6°04’36.8″W

AREA SOSTA VEJER DE LA FRONTERA – El Palmar Carril del Pino S/N,  Vejer de la Frontera – A pagamento 12-15 euro – servizi – no ombra – spiaggia a 150 m. – 100 posti –  lavatrice – docce – bar –  credo si possa prenotare Tel. (0034) 619261325 oppure  (0034) 654 153 273 – Gps 36°14’09.7″N 6°04’07.1″

CAMPING EL PALMAR – Camino del Camping, S/N,  El Palmar, Vejer de la Fra., Cádiz – Tel.  +34 956 23 21 61 – A 1KM DALLA SPIAGGIA – NON MOLTO GRANDE – PISCINA – Gps 36°14’02.4″N 6°03’34.3″W

Questa meravigliosa spiaggia continua a CONIL DE LA FRONTERA, un piccolo borgo di pescatori; la sua crescita turistica è dovuta proprio grazie alla sua costa con 16 km di spiagge e una ampia offerta con più di 350 bar e ristoranti.

CAMPING FUENTE DEL GALLO – Carril el Palillero s/n, Urb. Fuente del Gallo,  Conil de la Frontera -Cádiz – Telfs: (+34) 956.440.137 | (+34) 956.442.036 –  A 300 metri dalla spiaggia – Bar-ristorante, supermercato, lavanderia – piscina – APERTURA DAL 23-03-2018 Fino al 30-09-2018 – Gps 36°17’47.7″N 6°06’36.0″W

Andando verso CADICE vi segnalo questo parcheggio misto sulla splendida PLAYA DE CAMPOSOTO (ISLA DE LEON) – Gps 36°25’33.8″N 6°13’39.8″W

CADICE (Cadiz) è sicuramente una cittadina dal grande fascino. Il centro storico si trova su una penisola ed è dominato dall’imponente cupola della Cattedrale di Cadice.

foto Loredana Garavelli

Il vecchio quartiere di Cadice vanta molti edifici nobiliari, come la Casa del Almirante e Casa de las Cadenas, all’architettura moresca,  con stradine che risalgono al Medioevo che si aprono su piazzette animate da bar e ristorantini. 

foto Alessio Brioschi

NUOVO PARCHEGGIO VICINO AL CENTRO – Calle Nuevo Mundo,  Cádiz – a PAGAMENTO € 3,00 / € 7,75 – protetto da telecamere – un po’ rumoroso ma comodo per visita alla città – GPS 36°32’15.1″N 6°17’24.5″W

AREA SOSTA CADIZ – Vía Augusta Julia,  Cádiz – Parcheggio misto GRATUITO – bus per il centro storico 200 m. (10 minuti) – solo Acqua – lungo strada principale – a ridosso della spiaggia – Gps 36°29’35.0″N 6°16’10.6″W

Camping Playa Las Dunas S Anton – Paseo Marítimo de la Puntilla, 0, El Puerto de Sta María, Cádiz – Tel +34 956 87 22 10 – Aperto tutto l ‘ anno – ombreggiato – in bellissima posizione vicino Parco naturale e le dune – piscina – Gps 36°35’14.1″N 6°14’26.9″W

ROTA  si trova al nord della Baia di Cadice. Uno degli edifici più significativi di questa località è il Castello de Luna, del XIII secolo, attuale sede del Municipio.  Spiccano anche la chiesa della Caridad in stile barocco, e quella di San Roque.    Anche qui trovate belle spiagge come quella di La Costilla, vicino al centro storico, o Rompidillo.     Ma se vi spostate di soli 4 km a nord arrivate a Punta Candor, dove c’ è una area sosta sulla spiaggia. 

foto Arcari Massimo

AREA SOSTA PUNTA CANDOR – sulla spiaggia – gratuita (2 euro in estate) – servizi gratuiti – supermercato Mercadona a 2 km – ciclabile – Gps 36°38’18.0″N 6°23’29.0″W

SANLUCAR DE BARRAMEDA è situato di fronte al Parco Nazionale di Doñana, sulla riva sinistra della foce del fiume Guadalquivir, ed è famoso per le sue cantine di vino manzanilla (vino bianco) e per le corse di cavalli sulla spiaggia.    Il centro storico è formato da stradine strette, che si estendono e si muovono a zig zag verso il mare e verso il fiume.

Tra i principali monumenti ci sono il castello di Santiago, del XV secolo, il palazzo degli infanti di Orleans e Borbona, attuale sede del Municipio, la chiesa di Nuestra Señora de la O, il palazzo dei duchi di Medina Sidonia, che ospita oggi l’archivio municipale e il convento di Santo Domingo, del XVI secolo.

Ma certo anche il clima temperato, il sole e le spiagge come quella di  di Bajo de Guía, la Calzada, Las Piletas o la Jara, sono le vere  attrazioni turistiche.

foto di Marinella Marcis

Possibilità di  bella passeggiata sulla Via Verde che da Sanlucar de Barrameda porta a Chipiona. (13km circa tra andata e ritorno).

 SanLucar de Barrameda: BARCO DEL ARROZ il 27 febbraio 1924, una nave cipriota carica di 6080 tonnellate di riso da Bangkok, per la bassa marea si è arenata alla foce del Guadalquivir davanti a Chipiona e a San Lucar de Barrameda, con l’acqua di mare il riso si è gonfiato fino a intaccare le parti metalliche e così la nave si è spaccata in due!!! Ma dalla spiaggia sembra di vedere due navi!!!

foto Marinella Marcis

SANLUCAR AC PARKING – Camino de la Reyerta,  Sanlucar de Barrameda – Spiaggia a 50 m. – centro a 3 km – a pagamento 8-12 euro – servizi – docce – no ombra – Gps 36°45’41.0″N 6°23’45.0″W

 

Tornando verso l’ interno troviamo un altro dei “pueblos blancos” e cioè ARCOS DE LA FRONTERA, situata su una una rupe, è una cittadina ricca di scorci che ricordano il suo passato arabo.

In pieno centro si trova la piazza del Cabildo. Questo spazio concentra alcuni degli edifici più interessanti della città, come il Municipio e il Castello Ducale, fortezza musulmana ricostruita nel XV secolo. Di fronte ad essi s’innalza il Parador de Turismo, situato nell’antica Casa del Sindaco. 

http://www.spainisculture.com

https://oleandalucia.com

Per quanto riguarda l’ aspetto religioso ecco la Basilica di Santa María de la Asunción, e la chiesa di San Pedro, con facciata e torre in stile barocco e quella di San Miguel.

Una delle feste più importanti di Arcos de la Frontera è la Settimana Santa, dichiarata di Interesse Turistico, e poi da non perdere la FERIA DI SAN MIGUEL, tra fine settembre e ottobre, con costumi, cibo, cavalli e bancarelle.

monumento alla Semana Santa

https://oleandalucia.com

Il Parco Nazionale di Doñana (o Coto de Doñana) è un gran raccoglitore di ecosistemi con al suo interno moltissime specie animali (pare che agosto non sia il mese migliore per vederli).   Questo territorio è stato dichiarato Riserva della Biosfera dall’Unesco nel 1980.  

foto Astrid Groger

 Al suo interno si può percorrere un itinerario guidato su fuoristrada, attraversando per 70 chilometri dune, pinete, paludi e spiagge vergini con bassa marea. È possibile esplorare una parte del Parco a dorso di cavallo, cavalcando per una spiaggia lunghissima, o a piedi lungo i sentieri o ancora in bicicletta. Sarà facile ottenere informazioni sui possibili percorsi presso i sei centri di accoglienza del visitatore disponibili nel Parco.    TEL +34 959 43 96 27

info http://www.spain.info/it/reportajes/donana_reserva_ecologica_de_europa.html

http://www.spain.info

http://www.legadoexposevilla.org

Un momento ideale per visitare il Parco è durante la Romería de El Rocío (che si celebra la Domenica di Pentecoste), un pellegrinaggio durante il quale migliaia di persone si recano al villaggio di El Rocío attraversando una parte del Parco Nazionale di Doñana a cavallo o su carri decorati. Una vera e propria festa che raduna una folla di persone e nella quale è abituale fare una sosta lungo la strada per bere qualcosa e ballare al suono delle chitarre.   http://www.andalucia.org/es/eventos/romeria-del-rocio/

El ROCIO, paesino tranquillo tutto l’ anno, in quel periodo si anima divenendo un luogo di pellegrinaggio nella quale si riuniscono fino ad un milione di devoti. 

L’ atmosfera arrivando nel paese è quasi surreale; la strada asfaltata scompare sotto la sabbia, si vedono molti 4×4 o pick-up in questo paese polveroso che sembra uscito da un film western, le persone portano quasi tutti pantaloni e stivali da cavallerizzi, spostandosi quasi a caso di qua e di là.    

Ma anche l’ architettura delle case bianche, la chiesa al centro della piazza che si nota da lontano, con il suo interno colmo d’ oro, fa comunque pensare di essere in un film come “mezzogiorno e mezzo di fuoco” !

foto Tiziana Poli

CAMPING LA ALDEA – Carretera de El Rocio, km 25 (A483),  El Rocio – Aperto tutto l’ anno – ristorante – piscina – Gps 37°08’32.1″N 6°29’21.

Da El Rocio si può raggiungere la PLAYA DE MATALASCANAS,  dove fuori alta stagione si può sostare anche in libera.

SOSTA PLAYA DE MATASCALANAS – parcheggio in spiaggia  – accanto alle dune di Donana – centro 1km – a PAGAMENTO 6 euro – Gps 36°59’03.1″N 6°31’44.4″W

 Subito dopo MAZAGON è un paradiso tropicale di una bellezza senza pari all’interno dello spazio di Doñana Area naturale, con una spiaggia davvero meravigliosa.    Di fronte all’ albergo da favole, El Parador de Mazaron, potrete ammirare un pino ultracentenario.   

foto Astrid Groger

foto Astrid Groger

 

Troverete scogliere di sabbia, dune frastagliate dalla pioggia e dal vento, sui quali cresce una fitta vegetazione, fatta di pinete e macchia mediterranea profumatissima. Grazie ad Astrid Groger per le bellissime foto.

 

foto Astrid Groger

foto Astrid Groger

C’ è un Camping Playa de Mazaron (37°07’30.8″N 6°47’53.8″W), ma le recensioni non ne parlano molto bene.  Eccone una di Simona Stefanini che dice :  A chiunque capitasse da queste parti sconsiglio vivamente il camping playa de Mazagon. Sembra una baraccopoli bagni sporchi puzza di fogna irresistibile e piazzole indecenti. Siamo addirittura rimasti impantanati con il camper.

PUNTO SOSTA EL PARADOR DE MAZAGON – parking misto – Gps 37°06’48.9″N 6°46’05.

Proseguiamo in direzione HUELVA, sostando verso PALOS DE LAS FRONTERA dove è stato eretto il monumento a Cristoforo Colombo.   

PARCHEGGIO MISTO non molti posti – di fronte a una spiaggetta che alla sera si è animata di persone che venivano a fare pic-nic e suonare la chitarra per trascorrere una bella serata estiva.  Gps 37°12’47.4″N 6°56’25.6″W

 Al mattino andiamo a visitare il molo delle Caravelle di Cristoforo Colombo a Palos de la Frontera – Muelle de las Carabelas – Gps 7°12’38.5″N 6°55’40.8″W  – parcheggio lungo la strada.

Sono una riproduzione delle reali, davvero interessante e piacevole soprattutto anche per i bambini ad un costo irrisorio. Possibile salirci sopra. Piccolo Museo in loco.

Ecco la mappa dell ‘ ultimo tragitto in Andalusia :

Termina qua la nostra avventura in Andalusia, ormai arrivati al confine con il Portogallo.        Cinque articoli che spero vi faranno trascorre una bella avventura in camper in questa regione meravigliosa davvero tutta da scoprire !!

AVVERTENZE
I nostri diari raccontano viaggi fatti in diversi anni per cui le cose da noi menzionate nel tempo si sa possono cambiare: le soste gratuite possono diventare a pagamento, i prezzi possono aumentare, le aree di sosta possono cambiare gestione o chiudere, ed anche la qualità dei servizi può migliorare o divenire più scadente.    Anche in base al periodo le situazioni possono variare; alcune soste in libera possibili in inverno in estate piena stagione turistica potrebbero essere meno tollerate, o certi comuni possono porre divieti ai camper dove prima non c’ erano.

Logo Sito

2 pensieri su “Scopriamo l’ Andalusia in camper (5)

  1. Salvatore De Martino

    Complimenti
    il tutto ben fatto e con descrizione perfetta dei luoghi e dei monumenti,la usero ´per il prox viaggio in Andalusia in Gennaio.
    grazie

    1. camper_admin Autore dell'articolo

      grazie in tutto sono 5 articoli sull’ Andalusia che spero davvero vi siano utili
      altri due articoli parlano del tratto prima della costa Spagna da Barcellona sino all’ Andalusia
      e sempre nel blog trovi anche articoli su tutta la costa francese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.