Spagna: documenti necessari per viaggiare con gli amici a 4 zampe

Un capitolo a parte lo dedichiamo per spiegare quali documenti e vaccini sono necessari per viaggiare in Spagna con i nostri amici a 4 zampe, quali sono le razze considerate pericolose e dare alcuni brevi consigli di viaggio.

In realtà la procedura è abbastanza semplice e simile a molti altri paesi Europei come l’ Italia o la Francia, basta solo rispettare la giusta tempistica:

1) applicare il microchip al cane (dovrebbe già avercelo perché in Italia è obbligatorio per legge applicare il microchip al cane), gatto o furetto.

Il microchip per i gatti non è una disposizione obbligatoria di legge: al contrario dei cani, per i quali è obbligatorio, il microchip per i gatti è una scelta volontaria e individuale. Tuttavia se si intende portare il gatto all’estero sono necessari il passaporto animale e la vaccinazione antirabbica, che avviene solo dopo l’identificazione del gatto tramite microchip.

Il microchip per gatti ha le dimensioni di un chicco di riso, e la sua inoculazione avviene con una siringa apposita: l’operazione è indolore e avviene senza sedazione dell’animale. Tuttavia alcuni padroni e veterinari decidono di effettuarla in concomitanza con la sterilizzazione dell’animale e sotto sedazione.  Ecco un sito utile: https://www.maxizoo.it/blog/6-cose-da-sapere-sul-microchip-per-i-gatti/

 2) far eseguire la vaccinazione antirabbica dal proprio veterinario almeno 21 giorni prima della partenza (rispettando il fatto che in Italia non si possano vaccinare per la rabbia cuccioli o gatti prima dei tre mesi di vita) – Dopo la prima vaccinazione il richiamo dura tre anni purchè sia specificato dal vostro veterinario sul Passaporto.

 3) dopo 21 giorni dall’eseguita vaccinazione antirabbica andare ai Servizi Veterinari dell’Asl di residenza e farsi rilasciare il Passaporto

In caso di smarrimento del documento, segnalato formalmente dal proprietario, verrà fornito un nuovo passaporto

4) Pochi giorni prima di partire occorre un certificato o timbro di buona salute sempre dal vostro veterinario.

 REGOLE D’ INGRESSO A GIBILTERRA

Pare che dal 2012 il Regno Unito abbia allentato le regole rigide verso i cani e così anche Gibilterra e che quindi non sia più necessario mandare un campione di sangue all’istituto zooprofilattico per la conta del fattore immunologico, pratica complicata e costosa.         Restano valide le stesse regole Europee sopra elencate.

Quale cane si considera legalmente “cane potenzialmente pericoloso”? 

La legge spagnola definisce potenzialmente pericolose le seguenti razze ed i loro incroci con altre razze:

Pitbull terrier
Staffordshire bull terrier
American staffordshire terrier
Rottweiler
Dogo argentino
Fila brazileiro

Sono assimilati gli animali con una serie di caratteristiche morfologiche e di aggressività (muscolatura forte, carattere marcato, pelo corto, mandibola grande ecc.) simili a questi.             Inoltre, sono considerati cani pericolosi quelli che sebbene non si ritrovino nelle descrizioni e nella lista di cui sopra, manifestino un carattere marcatamente aggressivo o che siano stati protagonisti di aggressioni a persone o altri animali. Questa circostanza sarà verificata dalle Autorità competenti.
 Quali sono i requisiti legali per poter avere un cane pericoloso ?
Serve una licenza amministrativa che sarà rilasciata o rinnovata su richiesta dell’interessato dall’organo municipale competente.
 Cosa serve per avere la licenza ?
Occorre essere maggiorenni, non avere precedenti penali per determinati delitti, non essere privati giudizialmente del diritto di avere animali potenzialmente pericolosi, non essere stati oggetto di determinate sanzioni previste dalla legge che riguarda gli animali pericolosi, disporre di capacità ed attitudine psicologica per poter condurre questo tipo di cani e assicurarsi con una polizza di responsabilità civile.
Qual è il modo per ottenere l’idoneità fisica e psicologica ?
E’ necessario superare dei test per provare che non si hanno malattie o deficienze di nessun tipo, elementi da verificare in un Centro riconosciuto.
Quanto dura la licenza ?
Dura 5 anni, e si rinnova per periodi della stessa durata.
Che misure deve adottare il proprietario che conduce questi cani in spazi e luoghi pubblici ?
Dovrà condurre il cane munito di museruola e controllato con una catena o guinzaglio NON estensibile, lungo meno di 2 metri, ed è inoltre possibile condurre solo un cane pericoloso a persona.
Che misure si dovranno adottare per il cane che vive in un giardino, o in una terrazza, patio o altro luogo delimitato ?
Il cane dovrà disporre di una cuccia di superficie, altezza e chiusura adeguata a proteggere le persone o gli animali che si potrebbero avvicinare al cane stesso, e se non si dispone di una simile condizione il cane dovrà essere sempre legato.
 E’ obbligatoria l’identificazione e la registrazione per questo tipo di animali ?
Si. I proprietari, gli allevatori o i detentori dovranno identificare questi cani con un microchip e iscriverli all’anagrafe canina.
 E’ obbligatoria la sterilizzazione di questo tipo di cani ?
No. Diventa però obbligatoria sotto mandato delle Autorità competenti o giudiziarie.   Articolo tratto da http://www.dogwelcome.it/norme-e-ordinanze-cani-e-gatti-estero#Spagna

CONSIGLI PRATICI DI VIAGGIO

Prima di affrontare un luogo viaggio è utile abituare l’animale agli spostamenti in auto come in camper,  iniziando con brevi tragitti per poi e aumentare gradualmente le distanze e la durata del viaggio.

In camper bisogna avere la ciotola con acqua fresca a disposizione e un piccolo asciugamano per rinfrescare il vostro animale in caso di necessità. Inoltre, avere a disposizione un gioco o una coperta che l’animale abitualmente utilizza può aiutare a rendergli l’ambiente familiare.

Il mal d’auto o cinetosi è un problema comune, più di quanto si possa pensare, al quale i cuccioli sono più predisposti.   I segni tipici della cinetosi sono: agitazione, affanno, salivazione eccessiva, eruttazione e vomito. Il medico veterinario può prescrivere farmaci efficaci, sicuri e privi di effetti indesiderati, che devono essere somministrati prima del viaggio.      Meglio tenere l’ animale a digiuno due ore prima di viaggiare.

___________________________________________________________________________

Ci sono in Spagna spiagge per i cani ? Possono salire sui bus, tranvai o treni ? Possono entrare nei Musei o nei parchi ?  Ci sono aree dedicate a loro ?    Troverete le risposte a queste domande in un altro articolo intitolato “La Spagna e i nostri amici cani “

Logo Sito

14 pensieri su “Spagna: documenti necessari per viaggiare con gli amici a 4 zampe

  1. Alessia

    Ciao. Sto per viaggaire, via aereo, per la Spagna con la mia cagnolina. Ho un dubbio: devo farmi preparare dal veterinario un certificato di buona salute in spagnolo e inglese?

    1. camper_admin Autore dell'articolo

      i documenti necessari per viaggiare in Spagna sono il passaporto del cane con tutte le dovute vaccinazioni e l’ antirabbica fatta un mese prima – pochi giorni prima della partenza il veterinario deve testimoniare la buona salute del cane o con un certificato o meglio con un timbro nell’ apposita casella sempre del libretto – non credo sia necessario fare altro – per il viaggio in aereo non sono informata

  2. Noemi

    Ciao!
    Sto pensando di trasferirmi a Palma con il mio bull terrier inglese e ho capito mi servirà una licenza, come la ottengo? Dove la ottengo?
    Posso trasferirmi là e poi pensare alla licenza o devo ottenerla prima di arrivare là?
    Grazie!!!

  3. Carolina

    Ciao, tra una settimana portero’ il mio bulldog inglese a Madrid. Ho già fatto passaporto e antirabbica e il certificato di buona salute, ma mi chiedevo se devo avere anche una copia dei documenti in spagnolo.
    Grazie mille

    1. Alessio

      Ciao, anche io dovrei richiedere il rilascio del passaporto per il mio cucciolo ma non so se ai fini del rilascio, all’Asl canina occorrono che siano passati 21 giorni dalla data di iniezione del vaccino visto che l’Italia non è un paese a rischio come anche la Spagna. Da quello che mi è sembrato di capire per viaggiare in paesi facenti parte dell’Unione Europe e che vengono considerati non a rischio, potrebbe bastare l’attestazione dell’avvenuto vaccino e un certificato di buona salute rilasciato dal medico veterinario… se qualcuno fosse a conoscenza di questo, gentilmente puo’ fornirmi delle delucidazioni in merito? grazie a tutti…

  4. Manu

    Secondo Voi se vado in auto in Spagna passando dalla costa azzurra con un incrocio
    di Amstaff ho problemi ??? I documenti li ho in regola … Ma so che in Francia non li vogliono i molossi o cani da attacco ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.