Telepass Europeo come funziona

Finalmente un nuovo dispositivo Telepass Europeo permetterà di attraversare i caselli delle autostrade di quattro paesi europei senza più fare la coda, e cioè oltre all’Italia anche in Francia, Spagna e Portogallo.    Quindi in teoria si potrà partire da Roma ed andare sino a LIsbona senza mai mettere mano al portafoglio, ma addebitando gli importi sul proprio corrente bancario.

Inoltre con lo stesso dispositivo, oltre al pedaggio, si potrà pagare anche il parcheggio nelle principali città dei Paesi aderenti. A quelle già coperte in Italia (come Milano, Roma, Torino, Firenze e Napoli) si aggiungono infatti 400 parcheggi in altre città europee tra cui Parigi, Madrid e Barcellona.

Ma come funziona ? Intanto occorre un nuovo dispositivo, infatti bisogna richiedere l’attivazione sul proprio contratto Telepass Family rivolgendosi ai vari Punti Blu della rete autostradale; ai nuovi clienti basterà invece sottoscrivere un contratto Telepass Family.    Nel tempo sarà poi possibile anche l’ attivazione direttamente dal sito internet www.telepass.com

L’attivazione costa 6 euro e il canone mensile è di 2,40 euro, ma sarà applicato solo quando in effetti verrà utilizzato oltre frontiera; sarà addebitato sul proprio conto corrente insieme al pedaggio italiano e con le stesse modalità.

ATTENZIONE non potete usare il Telepass per pagare il pedaggio per le gallerie del Frejus e del Monte Bianco.

Ma possono richiederlo proprio tutti ? In realtà si ma attenzione perchè in Francia hanno messo delle barriere a 3 metri di altezza quindi potranno usare il nuovo dispositivo solo i possessori di veicoli a 2 assi (esclusi quindi tir) di peso inferiore alle 3,5 tonnellate e altezza inferiore ai 3 metri.  

Questo limite limite di altezza non riguarda invece la Spagna e il Portogallo.

UNA NOTA INTERESSANTE SE VIAGGIATE IN PORTOGALLO

Il Telepass europeo infatti può dimostrarsi particolarmente comodo in Portogallo, dove molte autostrade in realtà non hanno barriere di pagamento e i pedaggi dei percorsi e ponti “free flow” sono gestiti solo per via elettronica. Vi invito a leggere in merito un altro articolo dettagliato del blog: Portogallo in camper-la viabilità cliccando sul link  https://www.camperviaggiareinsieme.it/portogallo-in-camper-la-viabilita

Pertanto al posto di noleggiare in frontiera un dispositivo Via Verde (6 euro per la prima settimana, 27 euro di cauzione e 10 euro di ricarica minima) oppure di registrarsi su Easytoll (27 centesimi di addebito a passaggio), potete usare il Telepass sulle piste Via Verde identificate dal logo con la lettera V bianca in campo verde…..e quindi aggiungerei è sicuramente molto utile !!

Logo Sito

6 pensieri su “Telepass Europeo come funziona

  1. Marco

    Ma i 3 mt riguardano la sagoma del mezzo o bisogna calcolare l’altezza compresa antenna e climatizzatore ? Il mio mezzo è alto 2,95 mt ma con antenna supera i 3 mt

    1. camper_admin Autore dell'articolo

      In teoria penso proprio contino i metri del camper quindi con 2,95 vai tranquillo – se vuoi essere assolutamente certo basta telefonare ad un punto Blu del telepass

    2. Leandro

      Temo che l’antenna vada abbassata perchè si parla di, cito testualmente :
      “hanno messo delle barriere a 3 metri di altezza”
      quindi si tratta di un impedimento fisico che può o non può essere superato.
      Direi che la cosa migliore è verificare esattamente a quale altezza si arriva con TUTTI gli ingombri sul tetto del camper perchè l’antenna può essere abbassata ma la parabola pur se chiusa oppure il condizionatore non si possono togliere.

    3. Antonella

      Per esperienza personale contano i mt totali, compresa antenna o ingombri vari. La soc. Autostrade ci ha tirato le orecchie perché abbiamo utilizzato il telepass europeo in Francia e le autostrade francesi hanno segnalato l’uso improprio su di un mezzo sup. ai tre metri, ci vuole un altro dispisitivo per mezzi pesanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.